20 Ottobre 2022

Riscaldamento sostenibile: ecco alcuni consigli utili.

Riscaldamento e sostenibilità possono coesistere nella stessa frase. Non lo sapevi? Ora ti spieghiamo perché.
News-sostenibilita

Il riscaldamento sostenibile

Riscaldamento e sostenibilità possono coesistere nella stessa frase. Non lo sapevi? Ora ti spieghiamo perché.

Tutto sta nella scelta dell’impianto di riscaldamento che dev’essere sostenibile e favorevole sia per le persone che per l’ambiente.

Prima regola: la temperatura della tua abitazione non deve essere altissima nemmeno nel periodo invernale. Dev’esserci un clima confortevole, ma non tropicale. Vestiamoci di più e abbassiamo un pochino la temperatura interna, 20/21°, ad esempio, sono più che sufficienti.

Secondo punto: il riscaldamento tradizionale (stufette, termosifoni ecc..) potrebbe non essere l’alternativa più green. E nemmeno la più economica a lungo termine, in realtà.

Terzo punto: lo sapevi che tra gli impatti più importanti dei singoli cittadini sul pianeta c’è il riscaldamento domestico? Non esattamente una notizia confortante.

Il riscaldamento domestico in Italia

In Italia, la situazione riscaldamento è a un punto abbastanza critico. Alcuni dati? Secondo Eurostat (2018) il riscaldamento in Italia è ancora in larga parte generato dall’utilizzo di combustibili fossili, dai prodotti petroliferi (8%), nelle caldaie a gasolio, e dal gas (58%), nelle caldaie a gas.

Un’alternativa green e rinnovabile potrebbe sembrare la caldaia a biomassa, che genera calore tramite combustibili rinnovabili di origine vegetale come legna e pellet. MA vanno tenuti in considerazione diversi aspetti spesso sottovalutati, come l’estrazione della materia prima o la provenienza della legna (più viene da lontano e meno è sostenibile il processo).

Per quanto riguarda le altre fonti rinnovabili, solare termico, pompe di calore ed elettricità non raggiungono nemmeno l’1% di diffusione.

Quali sono le alternative

Di alternative ce ne sono diverse, tutte più sostenibili del riscaldamento a combustibili fossili. Ce ne sono di più o meno costose e, ovviamente, la loro fattibilità dipende anche dalla conformazione della casa, dalla vostra disponibilità ad effettuare lavori strutturali e dal budget che avete a disposizione.

Vediamone alcune:

  • Pompe di calore: Le pompe di calore sono dei macchinari in grado di spostare calore da un ambiente freddo a uno più caldo. In questo senso hanno un funzionamento molto simile a quello dei condizionatori, ma attuano il processo inverso. Il calore viene estratto da una fonte esterna, acqua, aria o sottosuolo, ed è poi utilizzato all’interno per riscaldare. L’installazione richiede, però, costi elevati. La cosa positiva da tenere a mente è che si tratta di una spesa una tantum, oltre ovviamente alla manutenzione ordinaria e straordinaria. Un investimento ambientale ed economico.
  • Riscaldamento a idrogeno: l’idrogeno non esiste in forma pure sul nostro pianeta, ma è l’elemento più diffuso in natura, presente in tutte le combinazioni organiche ed anche nel gas naturale, composto, infatti, da idrogeno e carbonio. Come si ricava? Tramite l’elettrolisi dell’acqua. Le celle combustibili funzionano a idrogeno e utilizzano l’ossigeno per la combustione, prelevandolo dall’aria, mentre l’idrogeno viene estratto mediante reforming dal gas naturale, attraverso un particolare dispositivo. Vantaggi? Alta efficienza, installazione agevole, molto simile per tempistiche e difficoltà a quella di una caldaia a condensazione compatta, dimensioni ridotte e basse emissioni di CO2.
  • Riscaldamento a infrarossi: Tramite il montaggio di pannelli radianti che emettono onde elettromagnetiche non dannose. Dove? In qualsiasi stanza della casa. Non utilizzando l’aria come tramite per il calore, non ne intaccano la qualità.

La nostra alternativa?

Non sai qual è l’alternativa giusta per te? O hai paura dei costi di installazione e gestione? Il nostro consiglio è sempre quello di affidarti a esperti del settore, che si tratti della scelta dell’impianto di riscaldamento o tutto quello che vi è connesso. Iniziamo a scegliere delle alternative più sostenibili, per noi e per il pianeta. Insieme per un cambiamento lento e costante.

E per tutti i tuoi progetti, noi siamo qui!

  • Puoi compilare il modulo per richiedere una consulenza personalizzata e senza impegno cliccando qui, i dati che ci fornirai serviranno ad un nostro consulente per proporti il servizio che più si adatta alle tue esigenze, in breve tempo sarai ricontatto per fissare un appuntamento.
  • Oppure puoi recarti presso una delle nostre agenzie dove troverai un nostro consulente sempre a tua disposizione. Puoi scoprire qual è la filiale più vicina a te cliccando qui.
  • Un documento d’identità in corso di validità
  • Tessera sanitaria in corso di validità
  • Ultima busta paga o cedolino della pensione
  • Codice IBAN del conto corrente
  • CU (certificazione unica) o modello OBIS/M per i pensionati
  • Se persona extracomunitaria è richiesto il permesso di soggiorno a tempo indeterminato

Nelle sezione news di MisterFin vengono pubblicate notizie d’informazione o aggiornamento, i cui contenuti provengono in parte da internet. Per avere informazioni più approfondite sulle varie tematiche è sempre meglio rivolgersi ad un esperto del settore.

Condividi questa news su:

Ultime News

I contenuti e le opinioni eventualmente espresse all’interno di questo blog non rappresentano né corrispondono necessariamente al punto di vista dell’Azienda per cui lavoro.

Whatsapp-profile

MisterFin

Scrivici su Whatsapp

Ciao, 👋
per poter inviare un messaggio su Whatsapp compila il modulo.